Itto Kuetani

Itto Kuetani giunge nel nostro Paese nel 1969, spinto dalla passione per la scultura ed alla ricerca di nuova ispirazione. Approda inizialmente a Roma, affascinato dalla grandiosità delle opere in marmo del Foro per poi raggiungere le cave delle Alpi Apuane. Ma sarà solo a Carrara che lo scultore riterrà di avere raggiunto la meta: nel cuore della Toscana ritroverà sia le sensazioni di maestosità dell’antica Roma sia la maestria degli artigiani del Rinascimento.

Nel corso di quarant’anni di lavoro in Italia, Itto Kuetani ha operato un’ulteriore sintesi: tra la concretezza tipica della cultura giapponese e l’astrazione che ha imparato a cogliere nel nostro Paese, definendo lui stesso le sue opere come delle “porte che mettono in comunicazione spazio e materia”.

Le sue sono opere sorprendenti tanto per l’imponenza che per la capacità di entrare in armonia con la natura dalla quale traggono ispirazione: l’acqua e il fuoco, il marmo e il granito, i suoi elementi favoriti.

Salva

Salva

Salva

giugno 14, 2017