Memorabilia: una mostra attorno a Bruto Pomodoro

Si inaugura sabato 5 dicembre alle 18 la mostra “Memorabilia” dell’artista Bruto Pomodoro alla Galleria Open One di Pietrasanta. La mostra, curata da Fiammetta Galleni e patrocinata dal Comune di Pietrasanta, è un percorso completo attorno all’opera creativa di Bruto Pomodoro,un excursus che parte dal disegno e approda al gioiello soffermandosi a lungo sulla scultura.

QUANDO
La mostra sarà visitabile fino al 17 gennaio 2016 con il seguente orario: dal 5 al 22 dicembre e dal 7 al 17 gennaio, dal lunedì al venerdì, 9-12 e 15-18. Festivi e prefestivi e dal 23 dicembre al 6 gennaio, su appuntamento telefonando al 329-4919903.

L’ARTISTA
Laureato in biologia, Bruto Pomodoro si avvicina dapprima al disegno collaborando come disegnatore scientifico del CNR. Il primo approccio grafico è dunque quello della descrizione esatta della realtà naturale, del fenomeno biologico. Ma ben presto, sedotto dall’influenza artistica nella quale è cresciuto, passa ad utilizzare il disegno e la pittura come mezzo unicamente artistico e approda gradualmente alla composizione astratto-geometrica, con la quale si allontana dal verosimile, dai riferimenti figurali più stretti.

Bruto crea un archetipo, un modulo, un codice pittorico (che si relaziona alle morfologie embrionali) che riproduce, ricompone, moltiplica in una varietà di forme e di cromie ripetibili all’infinito come nuovi corpi cellulari, essenze viventi. Un modo di rendere visibile ciò che è direttamente impercettibile dall’occhio umano.

Le sue forme archetipali diventano il focus del suo linguaggio espressivo e di tutta la sua creazione artistica, sia essa espressa attraverso la pittura, il collage, la scultura o la microscultura e il gioiello: la composizione della natura si traduce in scomposizione geometrica della forma essenziale, ancestrale; l’elemento di base di ogni organismo vivente è trasformato in elemento basilare, necessariamente astratto e primigenio.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Please follow and like us:

Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked *